OncoGinecologia.net
OncologiaMedica.net
Cardiologia.net

Bassa incidenza e alta remissione di sensibilizzazione allergica negli adulti


Gli studi prospettici sulla incidenza e remissione della sensibilizzazione allergica tra adulti sono rari. Si è cercato di valutare l'incidenza, la remissione, i fattori di rischio e la prevalenza di sensibilizzazione allergica in relazione all'invecchiamento in un periodo di 10 anni.

Nel 1994, un campione di 664 adulti aveva partecipato a esami clinici, tra cui una intervista strutturata e prick test cutanei ( SPT ).
Il campione era stato selezionato in modo casuale da una grande indagine svolta mediante questionario nel nord della Svezia.
Nel 2004, 555 soggetti sono stati riesaminati utilizzando gli stessi metodi del 1994; inoltre, sono stati misurati i livelli di IgE.

Nel 1994, la prevalenza di una risposta positiva al prick test era significativamente correlata all'età, con la più alta prevalenza ( 55% ) nei soggetti di età compresa tra 20 e 29 anni e la più bassa prevalenza ( 26% ) nei soggetti di età compresa tra 50 e 60 anni.

Una simile prevalenza correlata all'età è stata rilevata nel 2004, e la sensibilizzazione ai pollini e agli animali era la più comune in entrambi gli anni.

I risultati del prick test sono stati verificati mediante misurazione delle IgE. L'incidenza di qualsiasi risposta positiva al prick test è stata bassa. Solo 9 soggetti hanno avuto una qualsiasi risposta positiva al prick test ( incidenza cumulativa del 5% in 10 anni ). L’incidenza della remissione è risultata maggiore ( 32% in 10 anni ).

I principali fattori di rischio per la sensibilizzazione allergica sono stati la giovane età e una storia familiare di allergia. Aver avuto animali pelosi in casa durante l'infanzia è risultato negativamente correlato a specifici livelli di IgE.

In conclusione, la bassa incidenza e l’alta remissione in età adulta spiegano il calo della prevalenza di sensibilizzazione allergica in base all’età.
La bassa prevalenza di sensibilizzazione allergica tra gli anziani riscontrata in studi trasversali è un effetto del normale invecchiamento. ( Xagena2012 )

Warm K et al, J Allergy Clin Immunol 2012; 129: 136-142

Med2012



Indietro