Cardiologia.net
Reumatologia
OncoGinecologia.net

Immunoterapia orale nel trattamento della allergia all'uovo


Il trattamento per le allergie con immunoterapia orale, un approccio in cui i pazienti sono esposti gradualmente a livelli progressivamente crescenti di cibo allergizzante, dimostra l'efficacia nel trattamento di bambini con allergia alle uova.

In uno studio in doppio cieco, controllato con placebo, 55 bambini e adolescenti di età compresa tra i 5 e i 18 anni allergici all'uovo sono stati assegnati in modo casuale al gruppo di trattamento ( 40 bambini ) o al placebo ( 15 bambini ).

I bambini nel gruppo di trattamento hanno avuto esposizione quotidiana all’albume di uovo in polvere, mentre quelli del gruppo placebo hanno ricevuto amido di mais in polvere.

I livelli di esposizione sono stati aumentati ogni 2 settimane fino a quando i bambini del gruppo di immunoterapia orale all'uovo hanno raggiunto l'equivalente di circa un terzo di un uovo ogni giorno.

I 2 gruppi sono stati poi sottoposti a una prova alimentare e la prova è stata considerata superata quando non hanno mostrato sintomi o solo sintomi transitori.

Ai primi mesi, il 55% dei bambini che aveva ricevuto la immunoterapia orale aveva superato la prova alimentare, mentre nessuno nel gruppo placebo l’aveva superata.

Per i bambini del gruppo di trattamento la prova è stata prorogata per altri 22 mesi e il 75% dei soggetti ha passato la prova ed è stato considerato insensibile.

All'inizio dello studio, la maggior parte dei partecipanti era altamente allergica all'uovo, ma dopo mesi di immunoterapia orale giornaliera molti dei partecipanti hanno potuto mangiare più di un uovo intero senza avere una reazione.

I pazienti che avevano superato i 22 mesi di prova sono stati successivamente completamente rimossi dall'immunoterapia orale dalle 4 alle 6 settimane e ritestati a 24 mesi per determinare l'effetto di lunga durata della terapia.

I risultati hanno mostrato che 11 degli originali 40 bambini nel gruppo di trattamento hanno superato questa sfida e sono stati in grado di inserire alimenti contenenti uova nella loro normale dieta.
A 1 anno di follow-up questi pazienti non hanno mostrato nuovi sintomi.

Anche se i risultati sono molto incoraggianti, è necessaria cautela in quanto la terapia è ancora in fase sperimentale e, visti gli effetti potenzialmente gravi dell'allergia sulla salute, deve essere effettuata solo da professionisti.

I bambini con allergia all'uovo sono a rischio di gravi reazioni se vengono accidentalmente esposti a cibi contenenti uova. Attualmente, l'unico modo per prevenire che queste reazioni si verifichino è evitare gli alimenti che contengono uova. ( Xagena2012 )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2012


Med2012 Gastro2012 Farma2012


Indietro